L’Abbazia di Santa Maria di Sitria (sec XI), a due passi dal monastero di Fonte Avellana, è un gioiello del periodo romanico. Ristrutturata recentemente, è ubicata all’interno del parco del Monte Cucco. La sua acustica è strepitosa. Il panorama circostante è suggestivo e incontaminato. Fu fondata da san Romualdo che vi visse per sette anni. L’eremo fu costruito nel 1014 mentre tra il 1018 e il 1021 il Santo vi fondò il monastero. La chiesa è composta da un’unica navata separata, alla maniera benedettina, dal presbiterio tramite una scala in pietra di 8 gradini. È di linee romanico-gotiche, presenta una copertura con volta ogivale in pietra e un altare abbellito da archetti trilobati, sorretti da 13 colonnine, delle quali la maggior parte furono rubate negli anni sessanta del 900 e successivamente ricostruite. Nel catino dell’abside si trova un affresco risalente al XVII secolo, raffigurante la Crocifissione, di autore ignoto. La cripta sottostante, alla quale si accede per un ingresso al centro della scalinata, è molto elegante e presenta una volta sorretta da una colonna di granito con capitello, quasi sicuramente proveniente da una costruzione preesistente di epoca romana. Nel sotterraneo della chiesa, di fianco alla cripta, è indicata la cosiddetta prigione di san Romualdo, l’angusta cella in cui il Santo fu rinchiuso per sei mesi dai suoi stessi monaci.

Come arrivare

Arrivati a Scheggia, imboccare la strada statale Arceviese in direzione di Sassoferrato, Senigallia, Fonte Avellana. Dopo 9 Km si arriva al paesino di Isola Fossara. Poco dopo (300 metri) girare a sinistra seguendo le indicazione per Serra Sant’Abbondio, Fonte Avellana e Badia di Sitria. Proseguire per 2,5 KM senza preoccuparsi del fatto che la strada sembra isolata e buia. Vedrete la Badia di Sitria apparire all’improvviso sulla vostra destra!! parcheggiate l’auto lungo la strada principale e raggiungete il ‘Luogo da Ascoltare” a piedi (1 minuto di cammino).

Abbazia di Sitria

Abbazia Di Santa Maria Di Sitria, Scheggia E Pascelupo, PG, Italia